Discorso di Sua Eccellenza il Presidente della Repubblica Libanese Il generale Michel Aoun ai libanesi dell’audit forense

Baabda_Libano 7 aprile 2021

Baabda Presidential Palace

Miei concittadini,

Buona sera

Ieri si è tenuto l’atteso incontro tra i rappresentanti del ministero delle Finanze, quelli del governatore della Banca Centrale e quelli della società Alvarez e Marsal senza ottenere risultati concreti. Un’altra riunione è stata decisa venerdì.

Per me si tratta di un ulteriore ritardo, lo conferma il fatto che non esiste una reale volontà di condurre l’audit forense.

Prova di ciò, che il Consiglio dei ministri aveva preso la decisione di effettuare tale audit il 26 marzo 2020. Oggi e più di un anno dopo, non è ancora stato eseguito.

Inoltre, l’ulteriore prova della mancanza di volontà di effettuare tale audit è che i negoziati sono stati sostituiti da una corrispondenza remota.

In generale, i negoziati si svolgono direttamente, faccia a faccia attorno a un tavolo, tra i funzionari stessi e non i loro rappresentanti, come è accaduto ieri. Quindi andremo avanti in tondo, senza indugio nel tempo, o chiaro orizonte.

Nel frattempo, il popolo libanese è in attesa di scoprire il destino del suo denaro. Teme che il frutto dei suoi anni di lavoro sia stato saccheggiato, mentre oggi stiamo cercando di guadagnare tempo.

Prima di tornare in Libano nel 2005, ho visto i rischi di un collasso finanziario. Quando sono diventato capo di un blocco parlamentare, ho chiesto un controllo forense dei conti della Banca Centrale e la creazione di un tribunale speciale per i reati finanziari.

Entrambe queste richieste rimasero nei cassetti.

Una volta eletto Presidente della Repubblica, ho cercato invano per tre anni di spianare la strada a controlli forensi per proteggere i fondi dei depositanti.

 Ma la valuta e la crisi finanziaria erano in aumento. I segni del crollo hanno iniziato a comparire da luglio 2019 e la tragica situazione è venuta alla luce il 17 ottobre 2019.

Il 26 marzo dell’anno precedente ho chiesto al governo presieduto da Hassane Diab e al Ministro delle finanze di adottare le misure necessarie per effettuare la revisione forense dei fondi della Banca Centrale al fine di conoscere le cause del collasso monetario e finanziario.

I sospetti sulla mancanza di trasparenza nei conti della Banca Centrale sono stati confermati. Il volume effettivo delle riserve in valuta estera non era noto con precisione e le carenze sono state colmate dai fondi dei depositanti, contrariamente alla legge.

Sono state addotte ragioni poco convincenti per impedire al Consiglio dei ministri di commissionare alla società internazionale Kroll di condurre l’audit forense. Dopo molti sforzi, il Consiglio dei ministri accettò di commissionare ad Alvarez e Marsal di controllare ed incaricò il Ministro delle Finanze di firmare l’accordo con Alvarez e Marsal. Questa firma è avvenuta il 1° settembre 2020, più di 5 mesi fa.

Attraverso il Ministro delle Finanze, Alvarez e Marsal inviarono 133 interrogazioni alla Banca Centrale. Quest’ultima ha risposto a 60 di loro e si è rifiutato di rispondere agli altri perché sono in contraddizione con il codice valutario e creditizio, o perché non ha le risposte.

Nell’ottobre 2020, Alvarez e Marsal ha ribadito le sue domande e ancora una volta non ha avuto risposta. Il controllo forense ha incontrato molti ostacoli che abbiamo cercato di rimuovere uno dopo l’altro.

È stato quindi asserito che la legge sul segreto bancario impedisce di effettuare tale audit.

Ho quindi inviato una lettera al Parlamento in tal senso e la risposta ha dimostrato che i conti della Banca Centrale possono essere sottoposti a un controllo forense.

Ci siamo addirittura sperati, perché il Parlamento ha approvato una nuova legge che sospende per un anno l’applicazione della legge sul segreto bancario.

Tutti questi passi sono stati compiuti, ma gli ostacoli sono continuati… fino a poco tempo fa, quando il Ministro delle finanze ha riconosciuto alcuni giorni fa che la Banca Centrale si è astenuta dal rispondere a molte delle domande che le sono state rivolte da Alvarez e Marsal. Ha anche aggiunto che lo scopo di questi ritardi è spingere l’azienda ad abbandonare questa missione e ritirarsi dall’audit forense, in modo che non sia effettuato e che i criminali rimangano impuniti.

I miei concittadini

L’abbandono dell’audit forense è un duro colpo per l’iniziativa francese. Senza di essa, non ci saranno aiuti internazionali, né conferenza CEDRE, né aiuti arabi e del Golfo in particolare, né un Fondo monetario internazionale.

L’audit forense è il percorso per identificare coloro che hanno causato il collasso finanziario.

La revisione forense non è una richiesta personale del Presidente della Repubblica. È al centro dell’iniziativa francese e delle richieste del FMI.

E sopratutto, è una richiesta di tutti i libanesi:

Il depositante, i cui fondi nelle banche sono stati saccheggiati, che ha visto evaporare i frutti del suo lavoro.

Il paziente che aspetta fuori dalle porte degli ospedali e che non ha i mezzi per entrare per ottenere cure perché i suoi fondi vengono confiscati dalle banche.

Lo studente che si è recato all’estero per proseguire gli studi e che non può più ricevere i fondi inviati dai genitori dal Libano.

Genitori che non possono più assicurare le spese della famiglia a causa del crollo della lira  libanese.

Il pensionato che si è affidato alla sua liquidazione di fine servizio per garantire un fine vita dignitoso.

Io, Michel Aoun, dico a tutti i libanesi:

Potresti non essere d’accordo con me in politica, ma mi troverai sempre al tuo fianco per cause giuste.

Sono in prima linea, di fronte a voi, nella battaglia per rivelare la parte essenziale  della più grande operazione di saccheggio nella storia del Libano.

Siate con me,

Mettete da parte tutti i conflitti politici tra di voi,

Non faremo derubare la gente,

Né spezzare il cuore di una madre,

Né umiliare un padre,

O insultare un uomo malato.

Non faremo sabotare l’audit forense,

Perché ne  porterà il colpo di grazia allo Stato, al popolo, alla storia e al futuro.

Ai leader politici e non politici dico:

La vostra responsabilità è grande davanti a Dio, davanti al popolo e davanti alla legge.

Ciò che è accaduto non sarebbe accaduto se voi non aveste almeno fornito copertura alla Banca Centrale, alle banche private e al ministero delle Finanze.

Alla Banca Centrale dico:

La responsabilità principale della situazione ricade sulle tue spalle.

Hai violato il codice valuta e credito. Avrai dovuto regolamentare  l’azione bancaria e adottato le misure necessarie per proteggere i depositi delle persone nelle banche. Avrai anche dovuto imporre criteri di liquidità.

Alle banche dico:

La vostra responsabilità è chiara e non potete sottrarrvi a questa realtà.

La gente si è fidata di voi, rimettendo i loro fondi nelle vostre mani. Ma voi, vi siete comportati senza il minimo senso di responsabilità, ansiosi solo di garantire un rapido profitto, senza tener conto dei rischi e senza rispettare le regole del commercio.

Governi, amministrazioni, ministeri, consigli e commissioni sono tutti responsabili di ogni lira sprecata nel corso degli anni. Tutti devono sottoporsi a un controllo forense.

Agli Stati che dimostrano solidarietà al popolo libanese e chiedono trasparenza all’interno della Banca Centrale e del settore bancario, nonché riforme finanziarie e monetarie, dico:

Aiutateci a divulgare il trasferimento di fondi delle transazioni effettuate dopo il 17 ottobre 2019, che sono diventate una fuga di fondi  finanziari.

I fondi in valuta estera sono stati trasferiti dal Libano a banche ben note in paesi di tutto il mondo. Questo tipo di operazioni non può essere nascosto.

Se la decisione esiste, possiamo scoprire chi ha trasferito i fondi libanesi all’estero.

Possiamo condurre queste indagini e controllare le rimesse per vedere se si tratta di denaro pulito o sporco, e anche come tali fondi sono stati acquisiti dai loro proprietari e vedere se possono essere ripresi.

L’audit forense è solo l’inizio.

Questa battaglia è forse più difficile della battaglia per la liberazione della terra.

È una battaglia contro i corrotti e i ladri, che sono forse più pericolosi dell’occupante o dell’agente.

Chiunque rubi i soldi della gente ruba la patria.

 Miei concittadini, siate vigile:

Far saltare in aria l’audit forense è un colpo alla decisione del governo.

Chiedo infatti a questo governo di tenere una riunione straordinaria per prendere le decisioni appropriate per proteggere i depositi delle persone, scoprire le ragioni del crollo e definire le responsabilità, prima della richiesta di conti e del recupero dei diritti.

Sono Michel Aoun, il Presidente della Repubblica,
Sono Michel Aoun il generale che conoscete,
vi chiamo, non per stare con me,
Ma stare con voi stessi e con il futuro dei vostri figli!
Scopriamo insieme le realtà in modo da poter tornare indietro.
A quel punto avremo tutte le opportunità di avere differenze in politica. Ma per ora, dobbiamo alzarci in piedi!
Sì all’audit forense in modo da poter vivere e vivere il Libano.

Previous post Zur Unterstützung des Aufrufs des Präsidenten rückte die alte Garde in Richtung Justizpalast vor
Next post Discurso de su Excelencia el Presidente Michel Aoun sobre la Auditoria Forense
%d bloggers like this: