«Saudi Oger» La Francia sta negoziando: una minaccia con un sequestro giudiziario per i immobili di Hariri in Europa.

«Saudi Oger» La Francia sta negoziando: una minaccia con un sequestro giudiziario per i immobili di Hariri in Europa.

Lunedi notte, il primo ministro Saad Hariri ha diffuso una notizia del suo incontro con il ministro degli Esteri francese Jean-Marc Ayrault a Beirut, “e poi è partito in un viaggio d’affari,” senza specificare la destinazione. La destinazione, secondo i suoi collaboratori, è l’Arabia Saudita, in un nuovo tentativo di risolvere la crisi “Saudi Oger”.Secondo le informazioni, Hariri, nei suoi incontri sta negoziando con i funzionari sauditi per vendere le sue azioni nella società.

Che dire dei dipendenti ei loro stipendi e liquidazione? L’intenzione Saudita di salvare Hariri non sarà necessariamente una soluzione sul conto del personale. Il valore dei salari e la compensazione è di circa $ 800 milioni, e la ricchezza piena di Hariri è un miliardo e $ 500 milioni di dollari, secondo il censimento della rivista “Forbes” alla fine del 2015.

Non è assicurato che Hariri risolve la crisi a scapito dei suoi dipendenti.

Sul sito twitter delle “vittime della Saudi Oger”, è stato pubblicato una registrazione audio di uno dei funzionari della compagnia, una voce nel dialetto libanese rivolta ai dipendenti: “Da ora fino a Domenica o Lunedi prossimo, se non si vede un risultato dei stipendi, significa arrivederci, la società ha chiuso e non dichiareranno il fallimento perché questo comporta procedure e dovranno mettere le attività della società nelle mani del Ministero del lavoro, ma la lasceranno vuotarsi da sola. ”

I dipendenti vivono sull’impatto delle voci che parlano di una recente speranza promessa dalla famiglia regnante di sostenere Hariri finanziariamente e chiudere una parte del suo debito, ma le promesse sono state compensate con dei fatti che suggeriscono la chiusura imminente. In Jeddah, ieri, hanno chiuso i ristoranti relativi ai progetti realizzati dalla società e che offrono pasti gratuiti per gli operai e gli impiegati. L’altro ieri, un certo numero di loro ha dato fuoco a una parte della struttura dove abitano gli operai a Jeddah.

I lavoratori chiedevano aiuto ai loro governi. Dopo la protesta dei dipendenti saudite contro il Regno e il personale francese ha protestato all’ambasciata del loro Paese a Riyadh, anche il personale marocchino ha fatto un appello al re Mohammed VI per aiutarli a ottenere i loro stipendi.

Ma a quanto pare i francesi sono più fortunati di altri, nel prendere i loro diritti. Un certo numero di personale francesi nel “Saudi Oger” ha citato in giudizio davanti ai

giudici francesi nei confronti della società e il suo presidente Saad al-Hariri per il ritardo di più di nove mesi del pagamento dei loro stipendi. Un avvocato francese deve difendere i diritti dei 200 ricorrenti tra di loro ingegneri e amministrativi distribuiti su progetti della società a Jeddah, Riyadh e Dammam. Secondo fonti informate, le trattative tra lei e la gestione della società non porta frutto fino ad ora per una soluzione al conflitto. I ricorrenti chiedono di avere i pieni stipendi arretrati e dei risarcimenti se l’azienda ha deciso di licenziarli o hanno deciso loro di dimettersi. Tuttavia, “Oger” già gravata da grandi deficit fiscali, si offrì di pagare cinque mesi e mezzo l’ammontare degli stipendi di compensazione. L’avvocato ha rifiutato, minacciando di presentare una domanda dinanzi al giudice per il sequestro delle proprietà di Hariri in Francia. Fino alla fine dei negoziati, l’ambasciata francese a Riyadh ha preso l’iniziativa di pagare le indennità per il personale e le loro famiglie che vivono lì, loro spostamenti e le scolarità dei loro figli nelle scuole.

Il quotidiano “Le Monde Diplomatique” aveva chiesto al ministro degli Esteri francese Jean-Marc Ayrault, durante la sua visita in Libano dalla crisi, “Oger”. Nell’intervista pubblicata Lunedi, ha detto che il governo francese “sta facendo i contatti con i funzionari in Arabia Saudita e la gestione della società per trovare una soluzione”. Ha ringraziato le autorità saudite “per aiutarci a compiere ogni sforzo possibile per aiutare i nostri concittadini”.

Previous post Primeiro-ministro afirma que há tentativa de golpe militar na Turquia
Next post Terroristi nichilisti, demoni moderni che sfidano l’Occidente
%d bloggers like this: